« Gennaio 2009 | Principale | Marzo 2009 »

Archivio di Febbraio 2009

03.02.09

Il fiume impetuoso

Vorrei fare un resoconto delle attività di stasera, ma non posso perché... non ci sono. (Eh eh... piaciuta la citazione?). Scherzi a parte, avendo la macchina a riparare non ho potuto raggiungere Spazio Ado. Fortunatamente Isa fa pervenire quanto segue.

Abbiamo iniziato con un riscaldamento in cui i nostri corpi si "trasformavano" seguendo il suono dei diversi strumenti musicali, che compongono i brani di un compositore italiano contemporaneo (di cui non ricordo il nome): il pianoforte ci faceva camminare con il bacino proteso in avanti, il violino con il sedere all'indietro, il flauto ci faceva muovere lateralmente, il triangolo muoveva la spalla, il tamburo dava vita ad una capriola e la tromba faceva muovere le braccia in avanti. È stato bello e ha stimolato la concentrazione e Gianni ha detto che ripeterà l'esercizio anche in futuro.

Poi ci siamo dedicate al "devo" , che abbiamo ripetuto molte volte, cercando di migliorare sia i movimenti, sia il ritmo delle battute, e alla coreografia dell'omologazione che ha subìto una modifica nella prima parte: al posto delle braccia, si muove una gamba, con uno scatto e una rigidità simile a quella di una marionetta.

Poi io e Patty abbiamo ripreso il dialogo nell'agenzia, con un sottotesto nuovo: Gianni ci ha chiesto di pensare che fossimo l'una di fronte all'altre sulle due rive di un fiume impetuoso e che entrambe avessimo l'urgenza di andare dall'altra parte, ma che non ci fossero possibilità per farlo (niente ponti o traghetti). Solo alla fine del dialogo vediamo arrivare un battello in lontananza.. e siamo sollevate. Con questo metodo il dialogo diventa più brillante e l'urgenza di trovare una soluzione è maggiormente accentuata.

Contemporaneamente Jale e Sabina hanno lavorato sul ritmo, utilizzando gli strumenti musicali nella "Sala musica" di Spazio Ado.

NB: la porta è stata aggiustata.

Per giovedì Gianni desidera che ci siamo tutti...

Isa.

05.02.09

Tequila al Coyote Ugly

Serata un po' particolare. Dopo una lunga discussione a Spazio Ado, ci siamo spostati al Coyote Ugly per brindare alla compagnia e festeggiare (peccato che Patrizia e Ale non fossero con noi).

Dopo due bottiglie di vino bianco, siamo passati alla tequila con arancia e cannella, e ci siamo perfino cimentati con il karaoke (scoprendo tra l'altro il talento segreto di Isabella).

Uscendo, Jale ha coniato il nuovo motto della compagnia: "non scindiamo". Qualunque cosa voglia dire... sono d'accordo.

07.02.09

Dreamfastnet: secondo atto

Sabato lavorativo per la compagnia. Incontro alle 13:30 all'OTAF.

Robi, Luke e Vcz hanno recuperato dei costumi nei polverosi ma inesauribili archivi dell'OTAF. Inoltre Luke ha presentato una serie di accessori per il suo clown scovati nei negozi di costumi per carnevale, tra cui un magnifico parrucchino e l'immancabile naso rosso.

Per cominciare, Gianni ci ha raccontato alcune delle sue ormai immancabili freddure: "il ratto delle cabine", "ultimo tanfo a Parigi" e "via col Veneto". Poi abbiamo eseguito le coreografie dell'omologazione e di "Money, money, money" per riscaldarci. La nostra esecuzione continua a migliorare con la pratica continua.

Gianni ha voluto lavorare sul secondo atto. È stata introdotta qualche piccola novità (per esempio la sigla del tg, cantata dalla compagnia dietro le quinte prima che il clown cominci a leggere le notizie).

Per la prima volta abbiamo provato anche la scena finale. Il clown gioca con la mongolfiera, ma il giullare entra di soppiatto e buca il palloncino con uno spillone (grazie Sabina per aver sacrificato il tuo ago). Allora il clown ricorre al suo computer, ma scopre che non funziona più... e allora decide di suicidarsi. Luke ha provato con i suoi nuovi costumi e ha presentato un bellissimo clown, prima allegro e sorridente, poi malinconico e depresso.

Terminato tutto il secondo atto, ci siamo concessi una breve pausa al bar dell'OTAF, con caffè o tè e una fetta di torta di Jale (buonissima) o qualche bignè.

Rientrati in sala prove, abbiamo eseguito nuovamente l'intero secondo atto. Al termine, Gianni ha sottolineato che ora è importante memorizzare bene la sequenza delle varie scene, cominciare a preoccuparsi dei tempi e dei cambi di costume, controllare da che lato conviene uscire al termine di ogni scena in vista della successiva, e così via.

Oggi per Dreamfastnet si apre davvero il "secondo atto" - e sono sicuro che tutta la compagnia metterà in campo energie rinnovate. Da martedì, poi, rientra Alessandro, che è mancato a tutti e senza dubbio ci regalerà, come sempre, il suo inattaccabile buonumore.

Copione aggiornato con le ultime modifiche: clicca qui per scaricarlo.

10.02.09

Il ritorno di Ale

Grande rientro di Alessandro dopo la lunga pausa per il militare. L'accoglienza da parte di tutti è stata molto affettuosa... anche grazie alla torta che Ale ci ha portato per festeggiare (con qualche giorno di ritardo) il suo compleanno. La torta, che abbiamo gustato dopo le prove, era davvero strepitosa (Vcz ha avuto il coraggio di mangiarne tre fette): complimenti ad Ale per le sue finora sconosciute capacità culinarie!

Con noi stasera anche Luca Panzeri, che comincia a farsi un'idea delle luci che saranno necessarie per lo spettacolo. Luca ha anche partecipato al riscaldamento, che stasera è stato piuttosto movimentato. Dapprima Gianni ci ha fatto eseguire dei movimenti in stile Arlecchino su un brano molto ritmato; poi ci ha proposto un esercizio di attenzione divisa su un brano musicale spagnolo, con uso contemporaneo della voce, delle mani e dei piedi (ci ha risparmiato, per evidenti nostri limiti, il movimento della testa).

Roberto ha portato i cartelli di scena, realizzati dall'instancabile Alessia. Sono ovviamente bellissimi! Ha colpito tutti in particolare il "pericolo valanghe"... che non conoscevamo. Rimane da stabilire come saranno fissati al suolo in modo stabile, conservando la possibilità di girarli (i tre cartelli hanno tutti due facce, e vanno girati a seconda del momento). Abbiamo notato che, con i cartelli schierati, la scena si riempie e acquista un suo carattere.

Robi e Luca hanno anche portato un manichino (simile a quello usato per i crash test) per il personaggio dell'avvocato. Gianni però lo ha giudicato troppo moderno. Inoltre il povero manichino è troppo alto, troppo pesante (Isa non riuscirebbe a trasportarlo) e non sta in piedi da solo. Occorrerà probabilmente cercare qualcos'altro.

Abbiamo provato il secondo atto quasi completo (mancava solo Patrizia), mostrando ad Alessandro tutte le novità. Durante la lettura del telegiornale, Gianni ha chiesto a Luke di trovare umori diversi da usare per le varie notizie, possibilmente contrastanti con il loro contenuto. Per il monologo delle "spese superflue" del giullare, invece, il nostro regista ha deciso che alcuni personaggi attraverseranno la scena mentre Vcz recita il suo testo.

Prima di concludere abbiamo rivisto anche le pubblicità.

12.02.09

L'avvocato razzolante

Stasera Gianni ci ha chiesto di trasformarci da personaggi in animali, muovendoci tra gli oggetti di scena e interagendo con essi. Gradualmente, ciascun personaggio doveva percorrere a ritroso il percorso evolutivo e regredire in un animale, vero o fantastico, con cui condivide alcune caratteristiche. Anche gli oggetti della scena dovevano idealmente trasformarsi in altrettanti elementi, animati o inanimati, appartenenti a uno scenario primitivo.

Terminato l'esercizio, che è durato pochi minuti, Gianni ci ha chiesto in quale animale ci fossimo trasformati e con quali oggetti ci fossimo relazionati, prendendo alacremente appunti sul suo quadernino. Isa è diventata una pantera, Jale una talpa, Vcz un roditore nervoso, Sabina una gallina, Ale ovviamente un iguana e Roberto una scimmia. Ciascuno si è ritrovato in un ambiente del tutto personale (un pollaio, la foresta, ecc.) e ha collegato gli oggetti di scena con immagini anche molto diverse.

Gianni ci ha chiesto di ricordarci di atteggiamenti e ambientazioni evocati durante l'esercizio, e di tenerli presenti durante il lavoro, in modo da trarne spunto e interagire con lo spazio in modi non banali. Solo il personaggio del regista si comporta con razionalità e vede le cose per quello che sono realmente... che è poi la ragione per cui fa una brutta fine.

Nella seconda parte della serata, Gianni ha lavorato con Sabina, Jale e Roberto alla scena del tribunale. La novità di stasera è che, mentre Jale legge l'assurda sentenza, Sabina diventa sempre più... gallina, manifestando delusione e disappunto con un sonoro razzolamento. Jale (il cui personaggio/talpa è sempre più formidabile) è costretta ad alzare sempre più la voce per sovrastare il gran fracasso.

Usciti al gelo abbiamo avuto una sorpresa supplementare: l'auto (sostitutiva) di Ale non partiva. Robi ha collegato la sua batteria e finalmente siamo riusciti a metterla in modo. Si spera che Gianni non abbia perso il suo treno!

17.02.09

Apri, str@#&a!

Il personaggio di Ale si è arricchito stasera di diversi nuovi oggetti. Entrando per la prima volta, Alessandro conduce un carrello portapacchi che poi si trasforma in un cannone da contraerea. Quando si presenta al regista per l'audizione, gli porta dei fiori (ma Gianni, indossando dei guantoni da boxe, non può fisicamente accettarli). Durante il processo, Ale entra per consegnare la lettera dell'avvocato della difesa a bordo di un triciclo. In questa occasione, il testo è stato ampliato: nel nuovo (breve) dialogo tra il postino e il giudice vengono citati i titoli di diverse trasmissioni televisive (Amici, C'è posta per te, Verissimo, eccetera).

Per dare nuova linfa anche agli altri personaggi, Gianni ci ha chiesto di pensare, scena per scena, a un'azione che ciascuno di noi non farebbe in quelle circostanze. Isabella ha pensato di strozzare il manichino, flirtare con il venditore della lotteria o ballare il charleston entrando nell'agenzia immobiliare; Vcz non userebbe mai una paletta per le mosche per scacciare gli insetti durante il colloquio del tecnico con il clown; Sabina non comprerebbe mai tutti i biglietti della lotteria; il professore di Robi non si lascerebbe mai distrarre, durante la sua conferenza, da un'avvenente signorina seduta tra il pubblico; Patrizia non si gratterebbe mai il pube e non si raderebbe mai le ascelle; e Ale non fumerebbe mai in pasticceria.

Luke ha citato delle azioni che non farebbe mai (giocare col tecnico dei computer, urlare durante la seduta di psicanalisi, cucinare durante il tg), ma Gianni ha fatto notare che, come clown, qualunque azione è lecita per Luke... per il quale, in realtà, l'esercizio non ha molto senso.

Alcune di queste trovate, attraverso un percorso ancora misterioso, finiranno indubbiamente a far parte dello spettacolo... chissà cosa succederà! Inoltre, Gianni ci ha esortati tutti a tirare fuori impegno e creatività per dare vita ai nostri personaggi e prendere finalmente le distanze dalla sola meccanica recitazione del testo. Il trucco di oggi è appunto quello di pensare a qualcosa di apparentemente fuori luogo... che poi in realtà può rivelarsi legato alla natura intima di un personaggio. A questo proposito, Gianni ci ha raccontato la storia di un suo professore ai tempi della scuola. L'uomo, molto istruito e pacato, fu un giorno seguito da Gianni e i suoi amici fino a sotto casa... e fu sentito urlare al citofono di casa la frase: "apri, stronza!", proprio lo stesso giorno che aveva tenuto una lezione sull'importanza e la dignità della donna. Non si finisce mai di conoscere le persone.

19.02.09

Omaggio all'arte

Oggi non posso partecipare alle prove. Ricevo e pubblico un resoconto di Isabella. Grazie Isa!

Stasera, nel gelido Spazio Ado, Gianni ha proposto un riscaldamento basato sul ritmo: ognuno, a turno, doveva inventare una sequenza di battiti di piedi e mani e gli altri dovevano ripeterla.

Poi ci siamo scontrati in un torneo di dadi con il dado verde di gommapiuma: in una finale tutta OTAF, ha vinto Roby. Il riscaldamento è terminato con la prova della coreografia dell'omologazione.

Si è poi è passati alla scena del tribunale, nella quale Gianni ha inserito alcune novità: al termine della consegna della lettera da parte di Ale al giudice, Sabina, starnutendo, farà l'uovo (!).

La scena tra Patty e Isa, nell'agenzia di viaggio, sta acquisendo ritmo, secondo Gianni: si dovrà lavorare ancora per affinarla, ma la direzione è quella giusta.

Infine Luke ha provato per la prima volta la scena del tentativo di suicidio del clown: si tratta di una scena tutta mimata, in cui sarà importante l'espressione corporale e quella del viso. Con questa scena Dreamfastnet completa il suo omaggio all'arte: dopo la recitazione, la danza, il cabaret, il canto, anche il mimo avrà il suo spazio.

La lezione è terminata con la (triste) notizia che l'affitto di Spazio Ado, sarà aumentato notevolmente (più del doppio), a partire dal 1 marzo: se così sarà, dovremo trovare un'altra sistemazione, in brevissimo tempo.

24.02.09

La bomba sexy

Dopo qualche minuto di riscaldamento con gli esercizi della tensegrità, stasera abbiamo ripercorso il primo atto, scena per scena, senza provare effettivamente tutti i dialoghi, ma ripassando entrate, uscite, posizioni e interazioni.

È confermato che il tecnico del computer di Vcz avrà la paletta scacciamosche. Il pubblico ministero di Sabina, da parte sua, farà l'uovo. Il professore di Roberto deve lavorare per immagini, dimostrando i concetti con gesti delle mani, che però devono rimanere asciutti e contenuti. All'inizio della scena con Patrizia e Isa che si svolge all'agenzia immobiliare, Patrizia balla scalmanata ascoltando rock in cuffia; Isa fa il suo ingresso con un passetto di charleston.

Vcz ha provato un monologo del giullare. Gianni vorrebbe che il suo tono di voce fosse meno squillante, e ha chiesto che il giullare abbia una tonalità diversa in ciascuno dei suoi monologhi, in modo da sorprendere il pubblico e rendere imprevedibile il personaggio.

Infine abbiamo lavorato ancora sulla scena del processo, in particolar modo sul personaggio di Jale, che si trasforma da talpa impacciata con tanto di occhialoni neri in bomba sexy dalla voce sicura e suadente.

Info su Febbraio 2009

Questa pagina contiene tutti i post di Febbraio 2009, elencati dal più vecchio al più recente.

Gennaio 2009 è l'archivio precedente.

Marzo 2009 è l'archivio successivo.

Molti altri si trovano sulla pagina principale o in archivio.